Vai al contenuto

Gli 8 errori più comuni che si fanno quando si cucina la pasta. Tu li fai?

Preparare le ricette di pasta è relativamente facile ma, come quasi tutto in cucina, è importante conoscere le tecniche e i trucchi per ottenere un piatto perfetto che piaccia a tutti. Questi sono gli otto errori più comuni che si possono commettere quando si cucina la pasta.

Quando preparerai la prossima ricetta di rigatoni, spaghetti o pappardelle, ricorda i nostri consigli e vedrai come miglioreranno i tuoi primi piatti e quanto li apprezzerà la tua famiglia o i tuoi ospiti.

Preparare una ricetta di pasta sembra alla portata di tutti ed è spesso uno dei piatti con cui i giovani iniziano in cucina. Ma non è lo stesso cuocere bene la pasta, che gettarla in una casseruola con acqua bollente e confidare che venga bene senza ulteriori indugi.  

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Ecco gli otto errori che si fanno più spesso quando si cucina la pasta:

Leggi anche: Frittata di maccheroni, di pasta o di spaghetti alla napoletana (con foto passo passo)

1. Cuocere la pasta in una casseruola con acqua non ancora bollente

La fretta è sempre cattiva consigliera. È importante attendere che l’acqua bolla, prima di aggiungere la pasta. Se ci affrettiamo, è facile che la pasta si attacchi e non si stacchi e i tempi indicati dai produttori non saranno validi, per ottenere una buona cottura.

Prenditi il tempo di portare l’acqua a bollore prima di aggiungere la pasta per farla cuocere a dovere.

2. Cuocere la pasta senza lasciare abbastanza spazio

Se aggiungiamo molta pasta nella casseruola, non potrà cuocere comodamente. Tieni presente che la pasta di semola di grano è secca e ha bisogno di essere idratata, aumentando di volume durante la cottura. Se calcoli la dimensione del contenitore pensando alla dimensione della pasta prima della cottura, quando cresce potrebbe non entrare bene nella casseruola o potrebbe stare stretta e attaccarsi.

Se cuoci la pasta lunga, dovresti usare un contenitore abbastanza alto in modo che la pasta sia coperta, non sporga fuori e che cuocia uniformemente e allo stesso tempo, indipendentemente dalla sua lunghezza.

Usa pentole grandi quando vuoi preparare un buon piatto di pasta.

3. Non mettere abbastanza sale nella pasta

Prima di versare la pasta nella casseruola, e dopo aver atteso che l’acqua bolla, aggiungi il sale. Il rapporto consigliato è di 10 g per ogni litro d’acqua. In questo modo la pasta sarà ben condita e non sarà insipida. Altrimenti, anche se la salsa è molto saporita, il piatto risulterà piatto e insapore.

Ricordati sempre di aggiungere una buona manciata di sale quando l’acqua inizia a bollire e, solo allora, aggiungi la pasta.

4. Risparmiare sul marchio della pasta

La pasta è un prodotto economico ed è molto popolare. Una porzione tipica è di circa 80 g a persona. Per ottenere un buon piatto di pasta, ti consigliamo di scegliere una marca di cui ti fidi e, anche se è più costosa, usala sempre.  La differenza verrà notata nel risultato finale.

5. Non servirsi dell’acqua di cottura

L’acqua in cui cuociamo la pasta è un’acqua che contiene sale e il sapore della pasta di grano cotto, quindi è perfetta per migliorare i sughi con cui condiamo le nostre ricette di maccheroni, spaghetti o tagliatelle, conferendo loro una consistenza vellutata. Quando prepariamo il sugo, possiamo aggiungere un mestolo di acqua di cottura della pasta in modo che sia cotta al punto giusto.

Mi sento di consigliarti di finire di cuocere la pasta nel sugo. Per fare questo, bisogna scolare la pasta al dente e lasciare passare gli ultimi due minuti di cottura nel sugo.

Un mestolo di acqua di cottura della pasta aggiunta al sugo è perfetto per terminare la cottura.

cottura della pasta
cottura della pasta

6. Non scegliere correttamente la pasta giusta per ogni condimento

Non tutti i sughi sono adatti a tutti i formati di pasta. Per i sughi più delicati è consigliabile scegliere una varietà di pasta che manterrà il sapore della salsa, presentando rughe, riccioli o forme. Esempio, penne rigate.

Per i sughi più intensi utilizzeremo una pasta liscia che permetta al sugo di scolare per non eccedere la sua presenza ad ogni boccone. In tal senso, gli spaghetti o i maccheroni semplici sono generalmente una pasta da abbinare a sughi dal sapore intenso.

7. Aggiungere troppo sugo alla pasta

È una cosa che succede spesso quando cuciniamo la pasta. In un buon primo, la protagonista dovrebbe essere la pasta e non dovrebbe essere quindi coperta dal sugo, tanto da risultare appena percettibile. È preferibile che il sugo abbia una presenza sottile in modo che il suo sapore sia percepito ma che non mascheri l’ingrediente principale.

Non coprire i tuoi piatti di pasta con molto sugo e lascia che la pasta sia la protagonista.

8. La pasta troppo cotta è l’errore peggiore che si possa fare

Continua dopo gli annunci...

La pasta in stile cena universitaria è la cosa peggiore che puoi fare con un primo piatto. Oltre ad avere una consistenza orribile che si scioglie in bocca, è terribilmente indigesta. È preferibile cuocere meno, che cuocere di più. 

Per verificare la cottura ideale, non fidarsi strettamente delle istruzioni del produttore. Uno o due minuti prima dello scadere del tempo indicato, assaggiare e controllare che sia ancora leggermente cruda. Così puoi calcolare bene il tempo che manca, senza esagerare.

Non superare mai il tempo indicato dal produttore e, se possibile, cuocere due o tre minuti in meno di quanto indicato, terminando la cottura della pasta nel sugo come sopra descritto.

Conosci altri errori tipici che si possono fare durante la cottura della pasta? Faccelo sapere nei commenti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *