Vai al contenuto

Al comune arrivano gli assessori alla gentilezza. Cosa fanno?

assessori alla gentilezza

All’interno delle giunte comunali ci sono molte nuove e interessanti figure, tra queste spiccano gli assessori alla gentilezza. Scopriamo di cosa si tratta!

assessori alla gentilezza1

La nomina di Mirka Pellizzaro

Nella lotta contro il bullismo e la violenza, un’iniziativa da non sottovalutare prende forma nel Comune di Montebello. Con un focus particolare sulle nuove generazioni e la crescente preoccupazione riguardo alle baby gang e al bullismo, emerge la figura della nuova assessora alla gentilezza, Mirka Pellizzaro. Questa nomina rappresenta un passo significativo verso la costruzione di una comunità più empatica e inclusiva.

Mirka Pellizzaro, già assessora all’istruzione, al sociale, alle politiche giovanili e alla parità di genere, aggiunge ora alla sua carica anche l’incarico di contrastare la violenza, compreso il bullismo, tramite la promozione della gentilezza. Parlando dell’importanza di questo gesto, Pellizzaro sottolinea come la gentilezza non sia solo un atto semplice, ma anche potente, capace di influenzare positivamente la nostra salute mentale e le nostre relazioni interpersonali.

assessori alla gentilezza

L’iniziativa del Comune di Montebello è stata stimolata dall’invito della vicepresidente della provincia di Vicenza, Maria Cristina Franco, che ha sollecitato tutti i comuni vicentini a promuovere la gentilezza come forma di intelligenza, con l’obiettivo di contrastare fenomeni negativi come il bullismo e le baby gang. Questa richiesta sottolinea l’importanza di integrare la gentilezza nell’ambiente educativo, promuovendola attivamente nelle scuole e praticandola nella vita di tutti i giorni.

Il ruolo degli assessori alla gentilezza

Gli assessori alla gentilezza si pongono come punti di riferimento per bambini e ragazzi, promuovendo l’educazione civica, il rispetto per gli altri e per la cosa pubblica, e prendendosi cura di coloro che sono in difficoltà, come le persone malate, sole o disabili. Inoltre, cercano di promuovere lo spirito di comunità e coinvolgere i cittadini in iniziative di cittadinanza attiva per il bene comune. Mirka Pellizzaro sottolinea l’importanza dell’incarico, definendolo una responsabilità che richiede atteggiamenti gentili e rispettosi verso gli altri. Questo impegno include la promozione di comportamenti costruttivi e positivi, contribuendo così a creare un ambiente più armonioso e inclusivo.

assessori alla gentilezza2

A livello nazionale, l’associazione Cor et Amor coordina il progetto “Costruiamo Gentilezza”, che coinvolge una rete nazionale di Assessori alla gentilezza. Questa iniziativa conta già su oltre 210 comuni italiani che hanno attivato la delega alla gentilezza, dimostrando un crescente interesse e impegno verso la promozione di valori positivi nella società.

assessori alla gentilezza3

Questa idea innovativa è nata nel 2018, quando una classe della scuola primaria di San Giovanni in Fiore, in provincia di Cosenza, ha proposto il gioco “il capoclasse gentile”. Da allora, il concetto è stato adottato da diverse città italiane, dimostrando come piccoli gesti di gentilezza possano avere un impatto significativo sulla comunità. Il Comune di Rivarolo Canavese è stato il primo a sperimentare questa figura, nominando Lara Schialvino come la prima assessora alla gentilezza. Ora non ci resta che attendere che tutti i comuni prendano questa iniziativa e la facciano propria per fare il possibile per fermare questa escalation di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *