Vai al contenuto

Bonus trasporti: via alle domande online, ecco cosa c’è da sapere

bonus trasporti

È scattato giorno 1 settembre il clic day per il bonus trasporti.

Dati i rincari sempre maggiori dei costi della vita, il governo ha infatti statuito di prendere delle misure a sostegno delle famiglie per alleviare il carico e la pressione economica in questo difficile momento per l’economia italiana ed europea.

L’agevolazione è infatti stata prevista dal governo come misura a sostegno dei redditi, così da contrastare l’impoverimento delle famiglie.

Il bonus ha un valore di 60 euro, da usare per l’acquisto di un abbonamento mensile o annuale per i mezzi pubblici.

La domanda va inoltrata telematicamente sul Ministero del Lavoro e va speso entro 1 mese dalla sua emissione.

Il limite di reddito imputabile all’anno 2021 è di 35mila euro. Tutti coloro sotto tale soglia potranno pertanto usufruirine.

Da leggere: Bonus senza ISEE: ecco quali sono per il 2022

Bonus trasporti: cosa finanzia

Il bonus può essere pari fino al 100% della spesa totale da sostenere entro il 31 dicembre 2021 e per un solo abbonamento annuale o mensile relativo a servizi di trasporto pubblico locale.

Sono esclusi invece i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Le richieste vanno inoltrate accedendo al link https://www.bonustrasporti.lavoro.gov.it/ del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tramite Spid o Cie, dove dovranno essere fornite le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazioni.

Dovrà inoltre essere indicato l’ammontare della spesa da sostenere, o comunque quello che orientativamente si stima essere l’ammontare.

Da leggere: Bonus 200 euro sulle pensioni: a chi spetta e da quando?

Fino quando è valido?

Il bonus è personale ed individuale, per cui non è cedibile.

Quanti non dovessero riuscire ad ottenere l’agevolazione possono comunque portare le spese per l’acquisto degli abbonamenti ai mezzi pubblici in dichiarazione dei redditi e ottenere una detrazione del 19% su un massimo di 250 euro spesi.

In tale ultimo caso la misura di applica a tutti i contribuenti, senza limiti di reddito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *