Vai al contenuto

Come congelare alimenti freschi: consigli per la giusta conservazione

Come congelare alimenti freschi

Sai congelare alimenti freschi nel modo corretto? Scopri le giuste tecniche per non sbagliare!

Il Coronavirus ha cambiato molte delle nostre abitudini. Fare la spesa è diventato un compito che spesso è correlato anche alla paura. Che succederà? Potremo uscire domani? Finiranno le scorte nei supermercati?

Certo, molte paure sono immotivate, ma l’emergenza della pandemia ci ha insegnato ad avere un altro rapporto con il cibo.

Abbiamo iniziato a controllare lo stato della dispensa, e abbiamo capito che conservare il cibo può essere un’ottima cosa, anche in tempi di “normalità”.

In questo post, vi spiegherò come congelare gli alimenti freschi, assicurando loro una ottima conservazione.

Quando li rimetterete in tavola, avrete modo di assaporare lo stesso gusto, come se li aveste acquistati al più tardi ieri.

Vediamo come fare!

Intanto, che vuol dire “Congelare”?

Congelare non vuol dire surgelare.

La surgelazione è una congelazione in cui l’alimento raggiunge i -18°C in brevissimo tempo. Questa procedura però è possibile tramite appositi strumenti, denominati “abbattitori” che arrivano fino a -40°C, ma sono apparecchi complessi e non da utilizzare tra le mura domestiche.

L’atto del congelamento prevede semplicemente che in un alimento messo in freezer, l’acqua che si trova in esso si trasformi in ghiaccio. In questo modo, l’alimento stesso aumenta di volume ed è bene per questo assicurarci di non stipare mai il cibo nel freezer.

Gli alimenti, nella operazione di congelamento, vengono portati vengono portati a -18°C nell’arco di 24h, ed è il modo migliore a livello casalingo per mantenere le proprietà e il gusto di un cibo.

Potete usare anche dei contenitori di plastica per contenere gli alimenti, basterà evitare accuratamente il vetro che con basse temperature può incrinarsi e rompersi. Oppure potete optare per il sottovuoto.

La regola fondamentale però, è che un alimento congelato, dopo lo scongelamento deve essere consumato (ovviamente senza un successivo ricongelamento) pena la proliferazione di batteri.

congelare correttamente
congelare correttamente

Il congelamento casalingo per gli alimenti freschi, come frutta e verdura

Anche se il metodo di congelamento casalingo è meno efficace di quello industriale, può sempre tornare utile per conservare frutta e verdura di stagione così da averla a disposizione anche negli altri mesi dell’anno.

Per congelare la frutta e la verdura, è fondamentale non solo che gli ortaggi siano freschi, ma che siano intatti, senza parti marce e puliti con attenzione.

Quindi vanno lavati bene sotto l’acqua corrente, asciugati e tagliati in porzioni piccole, perché altrimenti se fossero lasciati interi, il congelamento richiederebbe troppo tempo.

La cosa importante da sapere è che durante Il congelamento, anche se viene cessata l’attività batterica, non si ferma l’azione degli enzimi, di conseguenza la frutta e la verdura continueranno il loro percorso di maturazione anche se più lentamente. 

Per arrestare o rallentare questo, consiglio di scottare le verdure per qualche minuto,  una volta che sono state  pulite e tagliate, quindi di raffreddarle poggiandole su un canovaccio prima di porle nel freezer.  

Invece, per arrestare la maturazione della frutta, si può aggiungere ad essa del succo di limone, prima di inserirla nei contenitori e quindi metterla nel freezer. 

Inoltre, cospargendo la frutta con un sottile e uniforme velo di zucchero, si eviterà che si formi sulla superficie uno strato di ghiaccio che ne comprometterebbe la consistenza e a volte anche il sapore. 

E voi, siete abituate a congelare gli alimenti come frutta e verdura nel freezer?

Raccontatemi le vostre esperienze, a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *