Vai al contenuto

Come evitare che il cane faccia pipì in casa? Spiegazione e rimedi

Il tuo cane continua a fare i suoi bisogni in casa? Le spiegazioni possono essere varie, eccole!

pipi in casa

Prevenire che i cani facciano i bisogni nei posti sbagliati fa parte delle regole per la convivenza con i nostri amici a quattro zampe. Peccato che a volte sia più difficile del solito!

Addestramento dei cuccioli

L’addestramento dei cuccioli è il primo step nell’assicurare che i nostri compagni a quattro zampe sviluppino abitudini igieniche adeguate fin dalle fasi iniziali della loro crescita. Nella fase pre-vaccinazione, quando il cucciolo non può ancora esplorare l’esterno, l’utilizzo strategico di panni assorbenti in punti chiave della casa è un fondamentale primo passo. Questa pratica non solo aiuta a mantenere pulito l’ambiente domestico ma indirizza anche il cucciolo a identificare luoghi specifici per i bisogni.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Dopo le vaccinazioni, l’addestramento diventa più dinamico e mirato. La creazione di una routine giornaliera strutturata è essenziale, con uscite regolari all’aperto per permettere al cucciolo di familiarizzarsi con l’ambiente esterno. In questi momenti, la positività gioca un ruolo fondamentale: rinforzare con elogi e premi quando il cucciolo fa i bisogni fuori contribuisce a consolidare un comportamento desiderato.

pipi in casa1

Un approccio chiave nell’addestramento dei cuccioli è l’utilizzo dell’olfatto. Intingere un punto del panno assorbente, con guanti monouso, nella pipì del cucciolo e posizionarlo successivamente nel luogo prestabilito, fa sì che il cucciolo, per l’odore, assocerà quel punto alla corretta zona per i bisogni. Una volta consolidato questo legame, il panno può essere utilizzato senza la necessità di immergerlo nuovamente nella pipì.

La costanza è il cardine di questo processo. La sveglia presto al mattino, la preparazione veloce, e la corsa all’esterno diventano rituali che fanno parte della routine quotidiana. Questo approccio mirato durante la fase di crescita del cucciolo non solo riduce rapidamente la pipì indesiderata in casa ma instaura anche basi solide per il comportamento futuro del cane.

Cani adulti

Continua dopo gli annunci...

Gli adulti possono fare i bisogni in casa per diverse ragioni. Emozioni intense, come gioia o paura, possono scatenare questo comportamento. Nel caso di forti emozioni positive, come il ritorno del proprietario dopo una lunga assenza, è importante evitare sgridate, poiché il cane sta solo esprimendo felicità. In caso di emozioni negative, è necessario indagare sulla causa del disagio. Le infezioni del tratto urinario sono un motivo comune per la pipì in casa negli adulti. La consultazione immediata di un veterinario è essenziale per diagnosticare e trattare il problema. Se il cane beve molto, è importante fornire accesso costante all’acqua e consentire uscite regolari per i bisogni.

pipi in casa2

Il desiderio di marcare il territorio è un comportamento naturale, ma se diventa un problema in casa, possono essere adottati rimedi come l’aceto o dissuasori spray. La comprensione approfondita delle esigenze del cane e la gestione attenta delle emozioni contribuiranno a mantenere un ambiente domestico pulito e sano.

L’adozione di cani adulti dal canile implica considerazioni specifiche, poiché questi animali potrebbero aver vissuto esperienze traumatiche. La pazienza è fondamentale, insieme all’uso di dissuasori e a una coerenza costante nell’insegnamento. Il rispetto degli spazi comuni è essenziale, soprattutto se il cane è abituato a fare i bisogni in determinate aree, contribuendo a una transizione senza intoppi e a una convivenza positiva.

pipi in casa3

In sintesi, affrontare il problema della pipì indesiderata richiede un approccio completo, considerando le specificità dell’età del cane, le sue emozioni e le possibili influenze ambientali. Un addestramento mirato, la gestione attenta delle esigenze individuali e la consulenza veterinaria quando necessaria sono gli elementi chiave per instaurare una relazione sana e soddisfacente con il nostro fedele amico a quattro zampe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *