Vai al contenuto

Come pulire i carciofi nel modo corretto: scopri se conosci tutti i trucchi

come pulire i carciofi

I carciofi sono noti, e soprattutto consumati, sin dall’antichità. Questo perché si tratta di una verdura ricca di proprietà benefiche che, da molti, è considerato il vero e proprio protagonista della stagione invernale. Si tratta di una verdura che inizia a comparire ad ottobre si raccoglie fino a giugno, tuttavia già nel mese di novembre viene molto utilizzata. Ma quali sono queste tanto famose proprietà benefiche?

Le proprietà benefiche del carciofo

Il carciofo è una pianta di origine Mediterranea, diffusasi ormai in tutto il mondo e molto nota. Sono molti i minerali e le vitamine contenute in questo ortaggio, tra questi troviamo in particolar modo sostanze come calcio, ferro, sodio, magnesio, fosforo, potassio e diverse vitamine come Vitamina A,  B, C, E, K e J. Il carciofo è una delle verdure per eccellenza per la protezione del fegato, in quanto contiene proprietà antiossidanti, diuretiche e depurative. Insomma si tratta di una verdura che aiuta molto il corpo umano, soprattutto avendo un’azione di difesa nei confronti delle cellule tumorali e aiuta a contrastare diverse patologie che possono colpire il fegato, come le epatiti.

Leggi anche: I cachi fanno ingrassare? La risposta ti lascerà senza parole!

Pulire i carciofi 

Nonostante si tratti di un alimento molto utilizzato in cucina, non tutti sanno come pulire il carciofo in modo corretto, né tantomeno come conservarlo. Innanzitutto è bene precisare che non tutte le preparazioni implicano che il carciofo venga pulito nello stesso modo. Allora oggi vi spiegheremo come eseguire la giusta pulizia del carciofo in base al modo in cui si vuole preparare. 

Come prima cosa vanno eliminate le punte con le spine aiutandosi con un coltello. Dopo aver fatto questo, bisogna passare al gambo, dove si andranno ad eliminare le parti più filamentose presenti. Non resta che togliere le foglie esterne più dure lasciando quelle più tenere, il cosiddetto cuore. Anche se questo può apparire come uno spreco, è necessario essere consapevoli del fatto che in un carciofo c’è davvero ben poco da mangiare. 

Ovviamente esistono diversi metodi per effettuare la pulizia, e questi si differenziano dal momento in cui si desidera mangiarli cotti o si desidera mangiarli crudi. Nel caso in cui i carciofi vanno consumati cotti, si andranno ad immergere in una bacinella di acqua assieme al succo di mezzo limone. Questi andranno lasciati in ammollo per circa mezz’ora, dopodiché prima di passare alla cottura ti andranno a risciacquare bene. Nel momento in cui si desidera mangiarli crudi, invece, la procedura è differente. Per pulire bene i carciofi ed eliminare quindi tutta la parte nera questi andranno puliti con acqua e latte

Leggi anche: Come conservare i funghi: conosci tutti i nostri suggerimenti?

Come conservare i carciofi 

I carciofi appartengono a quella categoria di verdure molto difficili da trattare. Questo perché se stanno molto tempo a contatto con l’aria rischiano di ossidarsi. Dunque onde evitare che vadano sprecati o ancor peggio perdano tutte le proprietà nutritive vanno conservati nel modo giusto.

Se avete dei carciofi molto freschi potete tranquillamente conservarli in un vaso pieno di acqua, immersi dalla parte del gambo, a mo’ di fiore insomma. Se invece molto più semplicemente si desidera conservarli in frigorifero, basta semplicemente togliere le foglie esterne più dure, il gambo, lavarli con cura ed asciugarli. A questo punto si andranno a collocare in un contenitore ermetico in modo che non abbiano alcun contatto con l’aria e non rischiano l’ossidazione.

Conservandoli in questo modo, eliminando quindi il contatto diretto con l’ossigeno, possono rimanere in frigo fino a 6 giorni. Infine è possibile anche congelare i carciofi. In che modo? Dopo averli puliti correttamente, tagliati e sbollentati per pochi minuti in una pentola con acqua e succo di limone, si lasciano raffreddare e si andranno a porre nelle specifiche e bustine per gli alimenti surgelati. Ed ecco che il gioco è fatto.

Insomma ora avete tutti i dettagli possibili e potrete conservare questo alimento ricco di proprietà nutritive tutto l’anno. Si tratta di una verdura molto importante, utile a contrarre diverse malattie e a depurare il nostro corpo. Sono tante le ricette e i piatti che è possibile preparare con questo semplice ingrediente. Ora non vi resta che cercare la ricetta più adatta e divertirvi a cucinare e deliziare il vostro palato con questa pietanza gustosa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *