Vai al contenuto

Come pulire i ciondoli Pandora (e gli errori non fare quando li pulisci)

come pulire i ciondoli pandora

I bracciali Pandora sono un accessorio molto gettonato e di moda, e il problema principale di chi li possiede, soprattutto se li usa nella vita quotidiana, è: “Come faccio a pulirlo senza rovinarlo?”.

Vediamo insieme i consigli utili per pulire il bracciale Pandora in tranquillità, senza incappare in brutte sorprese.

Pulire i bracciali Pandora: come?

I bracciali Pandora sono realizzati in argento sterling 925, quindi è normale che vadano incontro a un processo di ossidazione come tutta l’argenteria.

Un bracciale così realizzato va curato dunque nel modo giusto, con metodi che non lo rovinino. Attenzione però: perché seppure la base del Pandora è realizzata in argento, i ciondoli sono realizzati con pietre e smaltature che possono facilmente danneggiarsi, quindi fate sempre attenzione a questi piccoli accorgimenti.

Cosa non utilizzare

Sul sito ufficiale vengono date alcune indicazioni su come pulire il bracciale e quali prodotti non utilizzare:

  • Non usare prodotti specifici per l’argento, perché potrebbero rovinare irrimediabilmente i ciondoli smaltati.
  • Non indossare il Pandora quando si fa il bagno o la doccia, o durante le pulizie: ammoniaca e detergenti potrebbero rovinarlo.
  • Non fare il bagno al mare o in piscina con il bracciale Pandora.

Se non lo usate quotidianamente, riponetelo nella scatolina e in un cassetto, per evitare il processo di ossidazione.

Bicarbonato

Il bicarbonato è il metodo più semplice per pulire i ciondoli. Vi basta aggiungere un cucchiaino raso di bicarbonato in un poò di acqua e farlo sciogliere mescolando.

Estraete i ciondoli dal bracciale e inserite le componenti in una ciotola con la soluzione di acqua e bicarbonato.

Lasciare in immersione una decina di minuti, poi asciugare i ciondoli e rimetterli nel bracciale.

Sale

Conosciamo già il sale per l’uso delle pulizie domestiche. Bene: possiamo usarlo anche per pulire il nostro Pandora.

Prendere un bicchiere ampio, rivestitelo con fogli di alluminio. Poi, dopo aver versato la soluzione di acqua tiepida e sale (regolatevi sulle dosi in base alla grandezza del recipiente) immergete i ciondoli nel recipiente.

Stesso procedimento usato per il bicarbonato.

Pulizia dei charms con pietre, in vetro o smaltati: fate attenzione

I ciondoli in vetro di Murano  vanno puliti con sapone neutro delicato sciolto in acqua, ma ricordatevi di non usare spazzolini che potrebbero graffiare la superificie.

Potete anche pulirlo quotidianamente con un panno umido.

I charm con pietre sono molto delicati, anche essi è meglio pulirli con un sapone neutro.

Per garantirne la durata, andrebbero conservati e riposti lontani da altri charm, in modo da non perdere le pietre.

Attenzione

Per i charm smaltati non va MAI usato il bicarbonato di sodio. Infatti, potrebbe far perdere al ciondolo lo smalto e si potrebbe dunque rovinare irrimediabilmente.

Se possedete ciondoli in smalto, usate solo un panno morbido da strofinare sul ciondolo, e un cotton fioc umido da inserire nel foro di ingresso del bracciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *