Vai al contenuto

Come scegliere la giusta tonalità di rossetto

Scegliere il rossetto giusto non è sicuramente un gioco da ragazzi, specialmente quando si è totalmente digiuni di armocromia.

L’armocromia, in una sola parola, è quella branca della moda che studia i colori adatti a ogni tonalità di pelle.

Nell’armocromia, ogni tipo fisico viene associato a una stagione.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Sei mora ma hai una pelle candida come quella di Biancaneve, dai toni freddi ed eterei? Indubbiamente sei un inverno, precisamente un inverno assoluto (o freddo).

Sei mora e con la pelle scura, sempre su toni freddi? Sei sempre un inverno, ma profondo.

Sei rossa e con la pelle chiara? Con alta probabilità sei un autunno.

Le bionde con la pelle ambrata e gli occhi chiari, solitamente sono una primavera, mentre le more con gli occhi azzurri sono una estate.

Ora, senza addentrarci nella materia “armocromia”, perchè potremmo impiegarci giorni a spiegare tutti i sottotipi, in linea generale ogni “stagione” ha dei colori che vanno bene, altri da fare cadere nel dimenticatoio.

Questa cosa non vale solo per i vestiti, ma, ovviamente, anche per il trucco.

Vediamo insieme allora come scegliere il rossetto in base alla propria tonalità di pelle (che poi è quella che più interessa nel caso della scelta del rossetto, quindi diciamo che il colore dei capelli e gli occhi in questi casi è quasi irrilevante).

Innanzitutto va detto che la tonalità include tono e sottotono. Ma che differenza c’è?

Il tono della pelle è quello che ci rende chiare, scure, o ambrate. Il sottotono invece può essere caldo, freddo o neutro.

Posso essere chiara ma avere un sottotono caldo (l’esempio tipico è Chiara Ferragni) oppure posso essere scura ma avere un sottotono freddo (l’esempio tipico è Penelope Cruz).

In base al mio sottotono, dovrò scegliere il rossetto. Ora che sappiamo queste differenze, addentriamoci nel vivo della questione.

Da leggere: Come far durare a lungo lo smalto: 6 trucchi infallibili!

Pelle dai toni freddi, molto chiara (stagione: estate brillante, inverno assoluto)

Se hai una pelle molto chiara, buttati su tonalità vivaci: fucsia, lampone, rosa caramella.

Se però questi rossetti ti sembrano troppo, opta per colori più naturali come pesca, o corallo.

Sì anche a toni sul marrone, purché siano di un tono freddo.

Pelle dai toni freddi, ma più scura (inverno profondo, inverno cool)

Per le donne con una pelle più scura ma con un sottotono sempre freddo, diciamo che la palette è simile a quella sopra descritta, ma possiamo osare di più. Il lampone? Può diventare un prugna. Il rosso? Va benissimo anche un bordeaux o un vinaccio.

Pelle dai toni caldi, ma chiara (primavera soft, primavera light)

Dicevamo, un esempio di primavera light è Chiara Ferragni. Sì a rossetti chiari, nude, aranciati e beige.

Per i sottotoni caldi infatti vanno benissimo tutti i rossetti nude (che invece fanno sembrare grigie e spente le persone con un sottotono freddo).

La stessa cosa vale per gli autunno soft.

Pelle dai toni caldi, ma scura (stagione: primavera warm, autunno warm)

Continua dopo gli annunci...

Un esempio eccellente di autunno caldo (warm) è Eva Longoria. Che voi siate una primavera o un autunno warm, i colori consigliati sono tutti quelli che virano dal vinaccia al bordeaux scuro.

Evitare colori aranciati o sui toni del beige, che sono invece adatti a primavere soft o light, ed in generale a donne dall’incarnato ambrato ma più chiaro e che non vira dunque sull’olivastro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *