Vai al contenuto

Come togliere il calcare dalle superfici: i rimedi più efficaci

come togliere il calcare dalle superfici

Vi spiego i rimedi più efficaci per togliere il calcare dalle superfici e dai rubinetti, in modo veloce ed economico.

Che sia il bagno o la cucina, il problema è il medesimo, e va affrontato sia con costanza che con i rimedi più efficaci.

In questo post, vi darò i migliori suggerimenti per togliere il calcare in maniera effettiva e duratura.

Perché si forma il calcare?

Tutte noi conosciamo l’aspetto del calcare: una formazione simile a gesso che si adagia poco simpaticamente e in modo ostinato su sanitari e rubinetti, ma anche su vetri e superfici nei quali spesso si trova acqua. 

Purtroppo questa sostanza non è solo antiestetica ma rischia di compromettere tutti i materiali su cui si deposita, arrivando addirittura ad ostruire le tubature.

Il calcare si crea a causa della durezza dell’acqua, ovvero più questa è ricca di sali di calcio e magnesio, più si deposita il calcare che può nel breve e lungo termine arrivare a corrodere i tubi.  

Quindi, è fondamentale rimuoverlo per preservare non solo l’aspetto del nostro bagno e della nostra cucina, ma anche per ottenere una adeguata igiene negli spazi più vissuti della nostra casa.

Togliere il calcare dalle superfici: prima di tutto, la prevenzione!

Per rimuovere il calcare, non possiamo non partire dalla prevenzione.

  •  usare filtri di calcare che abbassano la durezza dell’acqua
  • asciugare le superfici subito dopo il passaggio dell’acqua

Soprattutto il secondo consiglio, dovrebbe entrare nelle nostre buone abitudini quotidiane. Basta usare un panno asciutto per togliere l’acqua in eccesso dalla doccia o da un rubinetto: un piccolo gesto che sarà certamente una grande arma contro la formazione del calcare!

I rimedi efficaci più efficaci per togliere il calcare: l’aceto

Uno dei rimedi naturali più efficaci ed economici per rimuovere il calcare è l’aceto, utilizzato sia puro che diluito. Potete usarlo nella lavastoviglie, usando mezzo bicchiere di aceto nel dosatore del detersivo e facendo partire un lavaggio. Potete anche usarlo direttamente sulle incrostazioni, e vedrete che queste saranno facilmente rimovibili con un panno o una spugnetta. L’aceto può essere utilizzato sulle piastrelle e su tutta la rubinetteria, ed anche sul WC.

Leggi anche: Pulire in modo naturale: i mille usi dell’aceto in casa (e quando non usarlo assolutamente)

Rimuovere il calcare, altri metodi 

● Soda caustica e acido citrico

Questi due prodotti vanno usati con cautela, perché altamente corrosivi. Durante il loro utilizzo, vanno protetti gli occhi e le mani. La soda caustica soprattutto è adatta per togliere il calcare più resistente che si deposita dentro le tubature e sul fondo del wc.

 ● L’avreste mai detto? La Coca Cola ha funzione anticalcare!

Sapete che la Coca Cola è spesso usata come anticalcare, specifico per il WC? Questo grazie ad un elemento in essa contenuto, l’acido fosforico. Provate, una volta svuotata l’acqua dal fondo del wc, a versare il contenuto di una bottiglia da 1.5l, lasciandolo agire per circa 12 ore. Dovrebbe essere poi molto semplice pulire il fondo del WC con una scopetta, rimuovendo tutti i residui di calcare.

Che ne pensate di questi prodotti? Avete qualche altra sostanza naturale da consigliare per rimuovere il calcare e far tornare le superfici e i rubinetti alla loro originale brillantezza?

Vi aspetto nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *