Vai al contenuto

Come trattare le ustioni in casa? 8 rimedi

Vi siete mai ustionati con il forno? Magari mentre accendevate una candela? Con la griglia? Non è una sensazione affatto piacevole. Le ustioni sono molto dolorose e possono lasciare segni permanenti. Sicuramente la prevenzione fa la sua parte ma, una volta in presenza di ustioni, come si possono combattere?

Le ustioni, primo, secondo e terzo grado

Le ustioni sono lesioni della pelle causate dal calore, dal sole, dall’elettricità o da sostanze chimiche. Esistono diversi gradi di ustioni, in funzione della profondità e dell’estensione del danno. Le ustioni di primo grado sono le più lievi e interessano solo lo strato superficiale della pelle. Le ustioni di secondo grado sono più profonde e provocano la formazione di bolle. Le ustioni di terzo grado sono le più gravi e distruggono tutti gli strati della pelle e i tessuti sottostanti.

ustioni di primo grado
ustioni di primo grado

Il trattamento delle ustioni, solo quelle di 1° e 2° grado in casa

Continua dopo gli annunci...

Il trattamento delle ustioni dipende dal loro grado e dalla loro localizzazione. Le ustioni di primo e secondo grado possono essere trattate in casa, se non sono troppo estese o se non interessano zone delicate come il viso, le mani, i piedi o i genitali. Le ustioni di terzo grado richiedono sempre un intervento medico urgente. Vediamo come si possono trattare le ustioni più lievi con il metodo fai-da-te.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Consigli per trattare le ustioni di primo o secondo grado

  1. Raffreddate la zona ustionata con acqua fredda o impacchi freddi per 10-15 minuti, per alleviare il dolore e limitare il danno ai tessuti. Non usate ghiaccio, burro, olio o dentifricio, perché possono peggiorare la situazione;
  2. Pulite delicatamente la zona ustionata con acqua e sapone neutro, per prevenire le infezioni. Non rompete le bolle, perché proteggono la pelle sottostante. Se le bolle si aprono da sole, copritele con una garza sterile;
  3. Usate aloe vera per lenire la pelle; grazie alla presenza di Vitamina C e Collagene, agisce sulla cute con un effetto idratante ed emolliente. La sua applicazione su feritebruciatureematomipunture d’insetto e scottature solari determina, infatti, un’immediata diminuzione della sensazione del dolore;
  4. Applicate una crema o una pomata specifica per le ustioni, che contenga un antibiotico o un antisettico. Questo aiuta a prevenire le infezioni e a favorire la guarigione. Non usate prodotti che contengono alcol o iodio, perché possono irritare la pelle;
  5. Cambiate la medicazione ogni giorno, dopo aver pulito la zona ustionata. Se la medicazione si attacca alla pelle, bagnatela con acqua tiepida per staccarla delicatamente;
  6. Assumete un antidolorifico, come il paracetamolo o l’ibuprofene, per alleviare il dolore e l’infiammazione. Seguite sempre le indicazioni del medico o del foglietto illustrativo;
  7. Proteggete la zona ustionata dal sole e dal calore, fino a quando non sarà completamente guarita. Usate una crema solare ad ampio spettro e indossate abiti leggeri e traspiranti;
  8. Se l’ustione è molto estesa, profonda, infetta o non guarisce entro due settimane, consultate un medico. Se l’ustione è causata da corrente elettrica o da sostanze chimiche, chiamate subito il 118. Gli operatori sanitari vi sapranno dire come comportarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *