Vai al contenuto

Difendersi dagli attacchi hacker: ecco come evitare di farsi rubare i dati bancari

Attacchi hacker: quali sono e come difendersi

Gli attacchi hacker sono ormai all’ordine del giorno, ma ci si può difendere! Ecco qui come riconoscerli (ed evitarli).

Cadere nelle trame di questi hacker può essere molto pericoloso, dato che possono carpire le nostre informazioni sensibili.

Phishing

Continua dopo gli annunci...

Il phishing è una vera e propria truffa telematica, che consiste nell’appropriarsi delle credenziali di un utente fingendosi di essere un sito, ad esempio della banca di fidicuia dell’utente.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

L’utente viene indirizzato ad una pagina uguale a quelle che frequenta di solito e viene indotto così in errore.

  • Attacchi Ransomware

Usati normalmente con lo scopo di rubare o “bloccare” dati sensibili di privati e aziende sotto la richiesta di un riscatto, questo tipo di attacco può essere utilizzato anche in un’ottica di cyberwar, con l’obiettivo di minare la stabilità di uno stato, soprattutto quando ad essere presi di mira sono gli enti governativi o le infrastrutture (soprattutto sanitarie).

Come difendersi: i consigli della CISA

La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) non si è tuttavia limitata a individuare le possibili tipologie di attacco, ma ha anche stilato una serie di consigli pratici volti a migliorare la sicurezza informatica dei nostri sistemi.

Si tratta di un vademecum che, sebbene sia nato per rispondere a uno stato di conflitto, può esserci utile a prescindere, attraverso best practices pensate per privati cittadini, aziende e pubbliche amministrazioni. Ecco le indicazioni più importanti:

  1. Non rispondere ai messaggi sospetti, seppure provenienti dai nostri contatti;
  2. Non aprire link che sembrano provenire dalle nostre banche, conto-correnti postali e simili: sono email di phishing che cercano di capire le nostre informazioni sensibili;
  3. Non aprire link che sembrano provenire da corrieri, poste, che ci comunicano che il nostro pacco è fermo in deposito e per svincolarlo è necessario avere le nostre credenziali;
  4. In generale non rispondere a messaggi o aprire mai link sospetti di ogni genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *