Vai al contenuto

Dipendenza dagli zuccheri: cos’è e cosa può causare (incredibile!!)

dipendenza da zuccheri

In una lunga intervista a Il Giornale, la dottoressa Sara Farnetti ha parlato di che cosa può causare lo “sugar craving” (ndr. la voglia continua di zuccheri) e i danni per la nostra salute.

Si tratta di una vera dipendenza che spesso viene ignorata o sottovalutata.

“Sugar craving” un pericolo nascosto

La “brama” di cibi dolci, (“craving” appunto) è il desiderio incontrollabile di un tipo di cibo, in questo caso i dolci. Ma perchè ciò accade e cosa può causare al nostro organismo? Ha risposto la dottoressa Farnetti intervistata da Il Giornale.

“Si tratta di una vera e propria dipendenza- spiega la dottoressa-. Dal punto di vista evolutivo siamo progettati per sopravvivere alle carestie, mentre ora viviamo in un periodo di abbondanza alimentare alla quale il nostro cervello e il nostro fisico non si sono ancora adattati. Lo zucchero è composto da molecole di glucosio, la sostanza preferita del nostro organismo, di cui si nutrono le cellule per estrarre l’energia necessaria per vivere. La buona notizia è che astenendoci possiamo liberarcene. Ne saremo molto gratificati e anche impressionati dalla potenza di questo meccanismo”.

In sostanza, spiega la dottoressa, meno zuccheri mangiamo meno vogliamo mangiarne. Più ne mangiamo, più ne vogliamo mangiare, una sorta di circolo vizioso.

Come funziona il nostro organismo in presenza degli zuccheri

“Non appena mangiamo cibi contenenti alte quantità di zucchero, soprattutto raffinato, aumenta esponenzialmente nel sangue il livello di glucosio. Per abbassarlo il nostro corpo produce più insulina, ma nel momento in cui viene ristabilita, ci viene voglia di ingerirne ancora. È un circolo vizioso che diventa una vera e propria dipendenza che non viene riconosciuta come tale. Come già detto, il nostro organismo primitivo è progettato per sopravvivere alle carestie: la miglior strategia per farlo, è consumare alimenti ad alto contenuto calorico che possano trasformarsi in grasso ed essere accumulati in vista dei “periodi di magra”.

La dottoressa spiega inoltre che prodotti industriali sono appositamente pieni di zuccheri per invogliare il consumaotre ad acquistarne altri.

Da leggere: Ridurre il grasso addominale: gli errori da non fare!

I problemi per la salute

Gli zuccheri causano però problemi per la salute: “Prima di tutto l’infiammazione e l’alterazione della longevità sana. Lo zucchero attraverso la produzione dell’insulina aumenta il desiderio di zucchero, fa depositare massa grassa, sottocutanea e addominale, crea ritenzione e innesca comportamenti di agitazione. Nei bambini può causare aumento di alcuni ormoni dello stress acuto come l’adrenalina, ed essere causa di iperattività, ansia, difficoltà di concentrazione e irritabilità.”

Ma non solo: “L’eccessivo consumo è correlato inoltre ad una serie di patologie quali: infertilità, policistosi ovarica, acne, astenia, aumento dell’acido urico. Anche l’invecchiamento è una patologia infiammatoria, lo zucchero con aumento dell’insulina, prodotta per consentire l’utilizzo dello stesso da parte delle cellule, causa infiammazione e riduce il potenziale di longevità accellerando l’invecchiamento cellulare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *