Vai al contenuto

DIY, tendenze creative per trasformare l’abbigliamento, azzarda!

E’ da tempo che sentiamo parlare della moda che si adatta al cambiamento climatico e all’esigenza del riciclo. Voi che ne pensate? Preferite avere capi di moda appena cuciti in sartoria o vi sta anche bene il rinnovo adattato alle vostre esigenze e a quelle dell’ambiente? La nuova sensibilità che guida gli acquisti di abbigliamento e che porta ad allontanarsi dal modello del fast-fashion spinge a un acquisto consapevole e, spesso, adattato ai tempi che corrono. Con l’aggiunta di elementi naturali, modifica di colli, maniche e lunghezze e qualche apporto “vintage“, si possono avere capi unici, rivisitati ed ecosostenibili! Guardate!

vestito riciclo
vestito riciclo

Il guardaroba sostenibile

GP Consumer, importatore e distributore dei marchi tedeschi per il cucito Prym e Gütermann sostiene che “sempre di più c’è la tendenza a cucire in casa il proprio guardaroba sostenibile. Scelta che porta un numero crescente di amanti di ago e filo ad acquistare tutto il necessario, compresi plotter da taglio e macchinari semiprofessionali per personalizzare i capi, mettere borchie, chiusure o abbottonature particolari”. Un segno dei tempi che cambiano.

do it yourself
do it yourself

Un’altra tendenza molto di moda e molto sostenibile è quella di acquistare abiti usati per poi personalizzarli con il fai da te: per esempio con il ricamo, il patchwork o con le diverse tecniche di rammendo creativo.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Di fatto, si tratta di non produrre rifiuti, ma anche di non acquistare altri capi che, oltre a incidere sul nostro portafoglio, hanno un impatto sul consumo energetico e idrico.

Effetti particolari, texture pelose e a rilievo, e tessuti dipinti a mano

La tendenza dell’autunno 2023 è la ricerca di effetti visivi particolari, non ordinari. Ad esempio, vanno di mode le texture pelose, e i rilievi sui capi: Ad esempio, immaginate un campo di grano fiorito. Prendete delle spighe, intrecciatele e cucitele su un maglione a tinta unita che non indossate da tempo. Lo renderete un capo unico, moderno e sostenibile. Sicuramente, di tendenza sarà l’applicazione su tessuti di decorazioni glitter e metalliche, anche se gli accessori e i complementi di microplastica sono in esaurimento.

bread dress di gattinoni
bread dress di gattinoni

Alcune tendenze dello streetwear

Una delle tendenze più interessanti è quella del futuro della moda basata sul digitale, il metaverso e l’economia circolare. Alcuni esempi sono le spalle imbottite, le cappe, le cinture maxi e i codici da “sciura”, in alternativa allo streetwear, che trasforma i capi della divisa active wear in passepartout quotidiani. Bike shorts, crop top e felpe di cotone si portano con blazer oversize e gioielli dorati, perfetti sia in palestra che in ufficio. Per non farsi mancare niente.

Il riciclo creativo

Infine, una tendenza da non sottovalutare è quella del riciclo creativo, che consiste nel dare una nuova vita ai vecchi abiti, trasformandoli in qualcosa di originale e unico. Per esempio, potete tagliare una vecchia maglietta e farne una sciarpa, o cucire dei bottoni colorati su un cappotto scuro per renderlo più allegro, alla pari delle spighe di cuii parlavamo e che vanno cucite sul maglione.

Upcycling

Fare upcycling vuol dire prendere un oggetto e trasformarlo creativamente per dargli un nuovo utilizzo. L’obiettivo principale è evitare di gettare via qualcosa che solo apparentemente non serve più. Di fatto, anche se il mondo della moda è in continua evoluzione, non significa che bisogna necessariamente comprare capi nuovi. Basta un minimo di creatività e manualità per trasformare i vestiti usati in capi alla moda e sfruttare le ultime tendenze. Una delle idee più semplici e popolari per upcyclare un vestito è quella di ridipingere o decorare il tessuto.

Ad esempio, il vecchio jeans è uno degli ospiti abituali del fondo di ogni armadio: la resistenza del tessuto li rende molto longevi, ma uno si annoia di vederli sempre nello stesso posto. Uno dei modi più semplici per “ringiovanirlo” è quello di donargli un tocco di colore e stile decorandolo manualmente, come nella foto.

jeans decorati
jeans decorati

Creare accessori con vestiti che non si indossano più

Continua dopo gli annunci...

Un’altra idea creativa è quella di utilizzare i tessuti del vestito per creare accessori come borse, cinture o sciarpe. Ad esempio, si possono creare borse a tracolla tagliando e cucendo insieme parti del tessuto, oppure si può utilizzare il tessuto del vestito per rivestire una vecchia cintura.

borsa maglione 640x583 1
borsa da un maglione

In sostanza, basta lasciare andare la creatività. Alcuni degli oggetti che possono ritrovare nuova vita sono:

I maglioni diventano toppe

Con le maglie si fa una coperta patchwork

I guanti o i calzini diventano porta cellulare

Le camicie si trasformano in fodere per cuscini

I grembiuli da cucina diventano porta telecomando

Con vecchie lenzuola rivestiamo la copertina di un libro

I calzini possono diventare paraspifferi

paraspifferi
paraspifferi

Dal punto di vista ambientale si tratta di un piccolo gesto ma di grande valore, proprio perché permette di ridurre i rifiuti. A maggior ragione se parliamo di moda e del fortissimo impatto che ha sul nostro ambiente. Il fast-fashion, con capi a basso costo e scarsa durabilità, contribuisce infatti in maniera drammatica proprio alla produzione di scarti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *