Vai al contenuto

Farina di buccia di banana: un ingrediente segreto per i biscotti

buccia di banana biscotti

Lo avreste mai detto che la buccia di banana può essere impiegata nella preparazione di biscotti??

Sembra incredibile, ma è davvero così! La prossima volta, prima di buttare via le bucce di banana, pensateci due volte perché si tratta di un ingrediente particolare perfettamente utilizzabile in dolcetti e biscotti, ma anche in conserve e torte.

Buccia di banana: un ingrediente segreto per biscotti più sani e genuini

Preparare i biscotti con farina normale? No, i cuochi più creativi usano la farina di bucce di banana. Ha molte proprietà, e inoltre li conserva più a lungo: hanno una resistenza migliore.

“I biscotti con farina di bucce di banana sono più salutari, perché hanno meno grassi e proteine, quantità maggiori di fenoli e una migliore attività antiossidante rispetto a quelli convenzionali”, spiega il ricercatore Faizan Ahmad.

E aggiunge: “Un gruppo di esperti ha stabilito che i biscotti fatti con farina di bucce di banana (7,5%) avevano una consistenza migliore e la più alta accettabilità complessiva rispetto agli altri lotti. Questa partita si è conservata bene per tre mesi a temperatura ambiente, inoltre dopo il lungo periodo di conservazione aveva lo stesso sapore delle versioni di solo frumento”.

Da leggere: Dieta: ridurre 500 calorie al giorno per perdere peso in una settimana

Farina di bucce di banana: come prepararla

Per preparare la farina di bucce di banana, il team ha sbucciato le banane mature avendo cura però di scartare quelle danneggiate, quindi ha poi sbollentato, asciugato e macinato le bucce fino a ridurle in polvere.

La farina di banane è stata poi mescolata ai normali ingredienti per fare dei dolci: burro, latte scremato in polvere, zucchero a velo, olio vegetale e farina di frumento.

I biscotti così creati sono stati cotti al forno.

Proprio come le banane, anche la buccia e la farina, è stato confermato, contengono alti livelli di magnesio, potassio e composti antiossidanti.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su ACS Food Science & Technology.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *