Vai al contenuto

Frutta e verdura di novembre | Consigli per non sbagliare

L’autunno è arrivato già da un po’, ma a novembre il clima inizia a farsi più pungente. Abbandoniamo i colori accesi della frutta estiva e le verdure da consumare per lo più crude, per incontrare ortaggi da gustare cotti, meglio ancora stufati o cucinati al forno in ricette più elaborate.

Scopriamo insieme qualche ingrediente, con valori nutritivi, proprietà e caratteristiche.

Ormai nei supermercati troviamo frutta e verdura di ogni tipo sempre disponibile. Eppure portare in tavola prodotti di stagione, seguire il calendario naturale nella scelta delle materie prime sulle quali basare la propria alimentazione è una buona abitudine per almeno quattro motivi:

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

  • Un frutto colto nel giusto momento di maturazione e senza forzature è più buono.
  • È più sano: ci pensa madre natura a favorirne crescita e maturazione, senza bisogno di aggiungere sostanze esterne o coltivare in serre riscaldate artificialmente per avere le fragole anche a novembre
  • Costa meno, perché non ha bisogno di essere importato da lontano, con relativi costi di trasporto
  • Aiuta il territorio, perché non essendo di importazione, anzi nella maggior parte dei casi è spesso a chilometro zero, arriva dai produttori locali

Frutta di novembre: cosa mangiare

Agrumi

Tutti sappiamo che gli agrumi sono ricchi di vitamina C, quindi alleati della lotta contro influenza e malanni della stagione fredda, ma ricordiamo che questa vitamina è molto instabile, quindi, se vogliamo essere sicuri di farne il pieno, beviamo una spremuta appena fatta oppure consumiamo il frutto intero così com’è, e avremo anche tante fibre aggiunte al nostro pasto.

La vitamina C inoltre è utile per aumentale la bio-disponibilità del ferro, importante in caso di anemia, quindi anche nelle donne in gravidanza e nei bambini. Aggiungete un po’ di limone spremuto sulla carne o sul pesce o terminate un pasto a base di legumi con una bella arancia.

Mele e pere 

L’autunno è la stagione migliore per mangiare le mele e le pere, due frutti con diverse proprietà nutritive. Da un lato, le mele contengono calcio, magnesio, potassio e sodio. Inoltre, aiutano a tonificare e migliorare il funzionamento del sistema muscolare e di quello nervoso, ma anche a combattere i problemi intestinali grazie alle fibre e alle vitamine. 

La pera contiene molte vitamine, sali minerali, ferro, iodio e ha proprietà diuretiche e depurative. 

Cachi

In questa stagione, poi, si possono gustare i cachi, ricchi di betacarotene, vitamine e minerali. Inoltre, aiutano il miglioramento del funzionamento intestinale, ma sono ricchi di zuccheri, quindi non bisogna esagerare. 

Da leggere: I cachi fanno ingrassare? La risposta ti lascerà senza parole!

Melograno

Ancora, il melograno e le sue mille proprietà: antiossidante, astringente, antidiarroico, gastroprotettore, aiuto contro il diabete e il colesterolo. 

Noci

Sempre tra la frutta autunnale troviamo le noci, frutta secca ricca di proprietà benefiche con sali minerali e vitamine, omega3. Inoltre, le noci hanno proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. 

Uva

Poi, troviamo l’uva, antiossidante dell’autunno per eccellenza, oltre a contenere potassio, calcio e fosforo. 

Castagne

Non possono mancare le castagne: ricche di minerali, potassio, magnesio, ma anche molti carboidrati. Sono un alimento sano e nutriente, ricco di fibre e privo di glutine. Essendo davvero ricco è indicato nella dieta dei soggetti celiaci come sostituto dei cereali: non a caso erano definite il pane dei poveri.

Le castagne sono una buona fonte di acido folico, la cui assunzione è raccomandata in modo particolare alle donne nel primo trimestre di gravidanza, sono un alleato per combattere l’anemia e amiche del sistema nervoso perché contengono fosforo.

Contrariamente a quello che si può pensare, le castagne sono molto digeribili, a condizione che siano ben cotte.  In cucina sono versatili, ottime arrosto accompagnate da un bicchiere di vino per una serata con gli amici oppure come base di deliziosi dolci come il Castagnaccio o il Monte Bianco, ma anche per primi e secondi piatti tipici della stagione autunnale.

Da leggere: Come cucinare le castagne e sbucciarle con grande facilità, i trucchi

Kiwi

Ancora, i kiwi, frutto che contiene molta vitamina C, sali minerali ed enzimi capaci di regolarizzare il transito intestinale.

Verdure di novembre: quali scegliere

Continua dopo gli annunci...

Zucca

La verdura più famosa dell’autunno è sicuramente la zucca, ricca di potassio e betacarotene, ma con poche calorie. Ottima anche come antiossidante e dalle proprietà depurative. 

Carote

Accanto alla zucca, la carota, ricca di vitamine, ferro e betacarotene. Aiuta a migliorare la salute degli occhi, ma anche della pelle, oltre ad avere un potere diuretico, lenitivo, idratante e antiossidante. Ancora, migliora la digestione e le infiammazione del tratto gastro-intestinale. 

Topinambur

Tra la verdura di stagione, troviamo anche il topinambur, un tubero ricco di ferro e di vitamine, con proprietà diuretiche, digestive e aiuta a tenere basso il livello di zuccheri nel sangue. 

Cavoli

Ancora, i cavoli: cavolfiori, verze, cavoletti, ecc. Conosciuti per le loro diverse proprietà, sono antibatterici e antietà, con un alto contenuto di calcio. Inoltre, aiutano l’attività intestinale e hanno un’azione cicatrizzante. 

Cicoria

Poi, la cicoria, un valido aiutante per pancreas, fegato e intestino, ma anche per regolarizzare il livello di zuccheri nel sangue. 

Spinaci

In autunno troviamo sicuramente anche gli spinaci, ricchi di ferro, vitamine, sali minerali e con proprietà lassative e diuretiche. 

Funghi

Ancora, i funghi: pochi grassi, poche calorie, ma tanti sali minerali, fosforo, magnesio, potassio e vitamina B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *