Vai al contenuto

Islanda, le spiagge nere dei Diamanti e di Reynisfjara e le leggende che le avvolgono

spiaggia nera islanda

Questi ultimi giorni abbiamo sentito parlare molto dell’Islanda. Una terra lontana, ma non sconosciuta. Un Paese freddo e poco popolato, ma tanto naturale e incontaminato. Inoltre, l’Islanda è uno dei paesi più sviluppati e felici del mondo, con un alto livello di istruzione, sanità, democrazia e uguaglianza di genere. E’ nota per le sue attrazioni naturali, come i geyser, le cascate, i ghiacciai, le aurore boreali e le balene, ma non solo, come vedrete in questo post.

Se si sente parlare dell’Islanda ultimamente è perché sono state rilevate scosse di terremoto molto ravvicinate: 1 ogni 5 secondi, in media. Questo potrebbe non essere un problema, perché è una terra vulcanica, pregna di movimenti tellurici, che l’hanno resa nella storia ancora più bella, ma il rischio è di un’eruzione vulcanica devastante.

Oggi abbiamo scelto questo paradiso nella nostra sezione “viaggi” e “curiosità”, perché merita di essere visitato e perché contiene scorci davvero incredibili, che hanno portato a tramandare diverse leggende. Noi ci concenteremo sulle spiagge nere dei Diamanti, la spiaggia di Reynisfjara (nota anche come Black Sand Beach). Guardate che meraviglia!

vulcano fagradalsfjall
vulcano Fagradalsfjall

La spiaggia nera di Reynisfjara, un posto davvero speciale

La spiaggia nera di Reynisfjara si trova a circa 180 Km dalla capitale Reykjavik, nei pressi del villaggio di Vik, un luogo strategico in cui soggiornare. Un posto da poche anime (300 abitanti), ma molto caratteristico, che tutti definiscono come capolavoro della natura. Anche se è difficile visitare il paesino con il bel tempo, è un luogo incantevole che rappresenta molto bene le caratteristiche dell’Islanda e dei suoi abitanti.

vik
vik

Da lì, basta incamminarsi sul sentiero che conduce alla scoperta della magnifica spiaggia nera di Reynisfjara, nota anche come  Black Sand Beach. Leggete con attenzione il cartello informativo prima di entrare, perché questo lido non ha un carattere docile, pertanto, dovrete stare lontano dal bagnasciuga, per evitare l’effetto delle onde anomale. Il paesaggio, tuttavia, è molto suggestivo e merita fare una passeggiata e qualche foto ricordo.

E’ un luogo davvero speciale. Certo, non è l’unica spiaggia spettacolare della zona, ma ha un’atmosfera unica. A lasciarvi estasiati non sarà soltanto la spiaggia vulcanica nera, ma più che altro le colossali formazioni basaltiche a base esagonale che svettano fiere dalle gelide acque dell’Oceano. Sono affascinanti per davvero, come se si trattasse di un maestoso organo pronto a suonare la vostra melodia preferita. Del resto, queste suggestive rocce rendono la spiaggia di Vik uno dei luoghi più popolari di tutta l’Islanda. Ma, osservando il contesto con attenzione, vi accorgerete che non è solo questo. Non lontano, come vedrete nella foto, sorgono i due maestosi faraglioni che emergono dal mare come preziose silhouette.

reynisfjara
reynisfjara

Reynisfjara, la spiaggia nera dei “troll”, la leggenda

Secondo il folklore locale in questa spiaggia vivono i “troll”, un piccolo popolo invisibile che poteva uscire allo scoperto esclusivamente di notte. Il motivo per cui molti islandesi nel corso degli anni hanno coltivato questa credenza è che nessuno era stato in grado di spiegare gli strani fenomeni che avvenivano in sull’isola: eruzioni vulcaniche sotto i ghiacciai, enormi soffioni sulfurei, incantevoli pozze termali e strane “costruzioni” naturali. La cosa più curiosa è che non si poteva assolutamente mancare di rispetto a questi esserini. Stuzzicarli voleva dire attirare su di sé molta sfortuna.

I faraglioni di Reynisfjara, due leggende spiegano la loro formazione

Il loro vero nome è Reynisdrangar e sono un insieme di faraglioni in basalto situati sotto il monte Reynisfjall, compresi quelli che si vedono dall’omonima spiaggia nera. Due leggende “spiegano” la loro formazione e incutono un po’ di sana paura. Secondo la prima leggenda, qui fu rapita una donna che venne uccisa da due troll. Quando il marito della fanciulla scoprì l’accaduto, cominciò a inseguire queste creature fino a bloccarle a ridosso di questa particolare spiaggia. Fu così che con il potere del suo amore verso la moglie riuscì, per vendetta, a pietrificarli.

Un’altra leggenda racconta che un gruppo di troll che viveva nelle grotte a ridosso della spiaggia nera di Reynisfjara attaccava le navi che passavano in zona. Finché due di loro, commisero un grave errore: durante un attacco a un’imbarcazione persero la cognizione del tempo e furono sorpresi dal sorgere del sole mentre erano ancora in mare. Per questo motivo si trasformarono in pietra.

spiaggia nera islanda
spiaggia nera islanda

Spiaggia dei Diamanti

La spiaggia dei diamanti in Islanda è una delle attrazioni naturali più affascinanti e spettacolari che si possano ammirare in questo paese. Si tratta di una spiaggia di sabbia nera vulcanica, dove si trovano numerosi blocchi di ghiaccio di varie dimensioni e forme, che sembrano dei diamanti scintillanti sotto il sole. Questi blocchi di ghiaccio provengono dalla laguna glaciale di Jökulsárlón, dove si staccano dal ghiacciaio Vatnajökull, il più grande d’Europa. La corrente li trasporta fino al mare, dove le onde li modellano e li depositano sulla spiaggia. Alcuni di questi blocchi hanno dei colori incredibili, dal blu al turchese, e riflettono la luce in modo magico.

La spiaggia dei diamanti è un luogo molto fotografato e apprezzato dai turisti, che possono ammirare questo contrasto tra il nero della sabbia, il bianco del ghiaccio e il blu del mare. Si trova nella parte sud-est dell’Islanda, lungo la strada numero 1, vicino alla laguna glaciale di Jökulsárlón. Per raggiungerla ci vogliono circa 5 ore di macchina da Reykjavík, la capitale. È consigliabile visitarla in estate, quando le giornate sono più lunghe e il clima più mite. In inverno, invece, si può avere la fortuna di vedere le aurore boreali che illuminano il cielo e i blocchi di ghiaccio con i loro colori fantastici. Un vero spettacolo!

spiaggia dei diamanti
spiaggia dei diamanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *