Vai al contenuto

La montagna per tutti, anche in sedia a rotelle

sedia a rotelle

Vi piace la montagna? Fare le passeggiate in alta quota non è per tutti. Ad ogni modo, ci sono tanti modi per godersi il panorama mozzafiato che offrono le nostre montagne, respirare l’aria buona e assaporare uno di quei pasti prelibati serviti ai massi. Oggi vi vogliamo parlare della montagna per tutti, accessibile anche a chi presenta difficoltà o limiti fisici. Potete crederci? E’ proprio così. Anche coloro che sono in sedia a rotelle o hanno problemi di deambulazione possono percorrere sentieri che una volta sarebbero stati vietati. Vediamo come e dove.

La montagna, una passione forte per tutta la popolazione

La montagna è un sogno e una passione per tutti: adulti, bambini, anziani trovano nelle passeggiate in montagna aria buona, frutti del bosco, sfide, erbe aromatiche e relax. La montagna è una passione forte per tutta la popolazione. È quindi comprensibile la soddisfazione per l’inaugurazione del nuovo sentiero “sbarrierato B06 a 1718 metri di altitudine poco sopra Madonna di Campiglio, che dalla Malga Patascoss conduce al lago di Nambino, all’interno di quel gioiello naturalistico che è il Parco Naturale Adamello Brenta. 

image 20
Madonna di Campiglio

L’idea del percorso per disabili partita da una mamma

Claudia Morelli, consigliera provinciale dell’Anffas, spiega che “circa 1,8 km nel bosco, che in meno di un’ora portano in un luogo incantevole. È stato grazie a lei, mamma di un ragazzo con disabilità, e grazie al suo incontro con l’associazione Amici dei sentieri di Madonna di Campiglio, che è nato il sentiero “per tutti”, che permette a chiunque, a persone che si possono muovere solo su sedia a rotelle, anziani con difficoltà motorie, ma anche a genitori con passeggini e carrozzine o bambini piccoli, di fare una magnifica passeggiata in uno dei contesti naturali più affascinanti del Trentino.  

Sentiero B06
Sentiero B06

Claudia Morelli dichiara: “ho trovato subito grande sensibilità da parte di tutti quelli che poi sono stati gli attori del progetto, da parte del Parco, del Comune di Pinzolo che è proprietario dell’area dove si sviluppa il sentiero e che ha prestato grande attenzione al tema dell’inclusività, della Provincia autonoma di Trento tramite il Servizio Sova (Servizio per il sostegno occupazionale e valorizzazione ambientale), dall’azienda di soggiorno di Madonna di Campiglio”. 

I sentieri inclusivi in Val di Daone

Per il Parco non si è trattato della prima esperienza di “montagna per tutti”; altre esperienze in questo senso erano state fatte a Nudole in Val di Daone, con un sentiero naturalistico sensoriale delineato da tronchi con funzione batti-bastone e corde sospese per far mantenere l’orientamento ai non vedenti, oltre che bacheche informative in braille, e con il sentiero d’accesso al lago di Tovel. Ma l’esperienza offerta dal nuovo sentiero inaugurato in maggio va oltre, perché rende aperto a tutti un luogo quasi magico per la sua bellezza, sinora riservato agli escursionisti che non hanno problemi di movimento. 

280.000 euro per essere a portata di tutti

Morelli dichiara: “si tratta di un vecchio sentiero che aveva tutte le caratteristiche per diventare quello che è diventato: una situazione paesaggistica straordinaria, un’ottima ombreggiatura, un tracciato semi-pianeggiante o comunque con modeste pendenze, un parcheggio alla partenza che consente di arrivare con auto e pulmini, un rifugio con bagno attrezzato per chi presenta disabilità alla partenza e uno con le stesse caratteristiche all’arrivo, dettaglio che vive quotidianamente con persone con difficoltà motorie sa quanto sia importante

L’intervento da 280.000 euro ha consentito l’allargamento del tracciato fino a raggiungere una larghezza di 1,20 m; è stato livellato, sono stati creati camminamenti su tavole di larice appoggiate sui massi, e sono stati collocati parapetti di legno nei punti in cui il dislivello è accentuato.

Alla fine, il sentiero “è diventato veramente inclusivo, molto apprezzato non solo da chi vive nella zona ma anche da chi risiede da altre parti in Trentino o da persone che vengono da lontano, che trovano finalmente un vero sentiero di montagna immerso in una natura meravigliosa da percorrere in sicurezza, un luogo di benessere per chi ogni giorno affronta una vita piena di ostacoli”.

sentiero inclusivo
sentiero inclusivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *