Vai al contenuto

I lassativi naturali per prendersi cura dell’intestino

lassativi naturali

Avete mai avuto problemi d’intestino? Soffrite di stitichezza o altri problemi intestinali? Si tratta di disturbi frequenti perché intestino e stomaco sono tra gli organi più interessati da patologie fisiche e psichiche. I problemi possono colpire qualsiasi tratto dell’intestino e si manifestano con sintomi come gonfiore, stitichezza, diarrea, crampi, vomito e sangue nelle feci; le cause possono essere diverse, tra cui lo stress, le infezioni, le allergie, le intolleranze, le malattie infiammatorie croniche e i diverticoli. Oggi parleremo dei problemi di stitichezza e dei lassativi naturali per risolverli

I lassativi naturali per risolvere i problemi di stitichezza

I lassativi naturali sono sostanze che aiutano a stimolare l’intestino e a favorire l’evacuazione, senza causare irritazione o effetti collaterali. Possono essere di diversi tipi, in funzione del meccanismo d’azione che svolgono. Alcuni esempi di lassativi naturali sono:

  • L’acqua, che è il primo e più semplice. Bere almeno due litri di acqua al giorno aiuta a idratare le feci e a facilitarne il passaggio. Può essere arricchita con limone, miele o bicarbonato per aumentarne l’effetto benefico
  • Le fibre, che sono sostanze vegetali che non vengono digerite dall’organismo, ma che aumentano il volume e la consistenza delle feci, stimolando la peristalsi intestinale. Si trovano in frutta, verdura, cereali integrali, legumi, semi e frutta secca. Tra i cibi più ricchi di fibre ci sono le mele, le prugne, i kiwi, le carote, gli spinaci, l’avena, i fagioli e le mandorle;
  • Il tamarindo, che è un frutto tropicale che contiene sostanze mucillaginose, capaci di trattenere acqua e di ammorbidire le feci.Questo frutto ha anche un effetto antinfiammatorio e antibatterico sul tratto intestinale. Si può consumare sotto forma di composta o sciroppo, da assumere al mattino a digiuno o prima di andare a letto
tamarindo
tamarindo
  • L’aloe vera, che è una pianta dalle molteplici proprietà benefiche per la salute: contiene antrachinoni, sostanze che agiscono come lassativi stimolanti, aumentando la secrezione di acqua e sali nell’intestino. Si può assumere sotto forma di succo o gel, da diluire in acqua o in altre bevande. Non dovreste superare la dose di 50 ml al giorno né usarla per periodi prolungati;
  • I semi di chia, che sono i semi di una pianta originaria del Messico e del Guatemala. Sono semi molto ricchi di fibre solubili e insolubili, che assorbono acqua e formano un gel viscoso nell’intestino, favorendo la regolarità. Hanno anche un alto contenuto di omega-3, calcio, magnesio e antiossidanti. Si possono consumare crudi o ammollati in acqua o in altre bevande, aggiungendoli a insalate, zuppe, yogurt o frullati
semi di chia
semi di chia

Sedentarietà e fumo, amici della stitichezza

L’attività sportiva, un toccasana per l’intestino

L’esercizio fisico aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e il tono muscolare dell’intestino, favorendo la regolarità. Gli esperti consigliano di praticare almeno 30 minuti di attività fisica moderata al giorno, come camminare, andare in bicicletta o nuotare.

Stress e fumo rallentano il funzionamento dell’intestino

Evitare lo stress e il fumo farà bene alla salute e funzionalità dell’intestino, poiché essi possono causare spasmi, infiammazioni e rallentamento del transito intestinale. Dovreste adottare tecniche di rilassamento come il respiro profondo, lo yoga o la meditazione per ridurre lo stress e, se riuscite, smettete di fumare o riducete almeno il consumo di sigarette per migliorare la funzionalità dell’intestino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *