Vai al contenuto

Non riesci a dormire bene? Melatonina: effetti sul cervello e benefici

Siamo ormai abituati a vedere la melatonina in farmacia, ma anche al supermercato. Utilizzata principalmente come rimedio a notti insonni, la melatonina è un composto naturale prodotto dal nostro organismo. Ma anche la melatonina, pur essendo naturale, può portare degli effetti collaterali sul lungo termine o se assunta in sovradosaggio.

Vediamo insieme quali effetti ha la melatonina sul nostro corpo.

Cos’è la Melatonina?

La melatonina fu scoperta 64 anni fa, nel 1958, da Aron Lerner, studiando la ghiandola pineale delle mucche.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

La ghiandola pineale è una ghiandola situata nel cervello.

A cosa serve la melatonina?

La melatonina è un ormone che regola i ritmi sonno-veglia negli esseri viventi e la sua secrezione si regola in base alla luce.

Il buio ne stimola il rilascio, la luce lo blocca. Non a caso, infatti, è sconsigliato stare davanti alla tv o pc e smarthpone a ridosso dell’ora di dormire: blocchiamo la produzione della melatonina così facendo.

La melatonina ha un picco nelle ore notturne e valori molto più bassi durante le ore diurne.

Ora vi chiederete: perché assumerla se la produciamo già noi?

Perché quando subentra l’insonnia, stiamo producendo basse quantità di melatonina.

Melatonina nei disturbi del sonno

La melatonina si è dimostrata efficace nella cura dei disturbi del sonno e anche in quella del jet-lag.

Il jet-lag, o “sindrome da fuso orario” è una sindrome che colpisce con mancanza di sonno, appetito e insonnia chi viaggia di frequente e si ritrova quindi ad avere un ritmo circadiano totalmente scombussolato a causa dei fusi orari.

La melatonina, inducendo il sonno, colma questo gap, regolarizzando l’orologio interno.

Mettiamo il caso che voliate a New York: quando lì saranno le 18, in Italia saranno le 24, sono sei ore di differenza.

Tornati in Italia, quando qui saranno le 24, lì sarà pieno pomeriggio. Dormireste mai alle 18? No. Ed è qui che vi viene dunque in aiuto la melatonina. Assumere una compressa o delle gocce faciliterà il vostro addormentamento.

Ma la melatonina non è indicata solo per il sonno: è anche ritenuta un ottimo antiossidante.

Da leggere: Ansia e insonnia? Le tisane per tornare a dormire

Effetti collaterali

Continua dopo gli annunci...

La melatonina può, tuttavia, portare alcuni effetti collaterali anche se non frequenti.

Si tratta di:

  • Tachicardia
  • Depressione
  • Ipertensione
  • Ansia
  • Irrequietezza
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Crampi notturni

Tuttavia, questi effetti collaterali sono stati riscontrati per lo più nei suoi consumatori cronici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *