Vai al contenuto

Il melograno, un superfood pieno di antiossidanti e vitamine

melograno

Vi piace il melograno? La stagione è pronta per fare incetta di semini di questo frutto asiatico che abbiamo ereditato da Fenici, Greci, Romani e Arabi. E’ un frutto molto apprezzato perché pieno di proprietà benefiche per la salute e per il palato. Oggi vi parleremo del melograno e dei suoi effetti benefici per la nostra salute e il nostro benessere.

La raccolta del melograno in autunno

Il melograno è tipico dell’autunno, anche se il periodo di raccolta varia secondo la zona climatica e la varietà della pianta; tuttavia, si può dire che in generale si va da settembre a dicembre. Per capire se il melograno è maturo, bisogna osservare il colore della buccia, che deve essere rosso o striato di rosso (dipende dalla varietà). Inoltre, il frutto deve essere pieno e sodo al tatto. Per raccoglierlo, bisogna usare delle forbici da potatura ben affilate e pulite, e tagliare il gambo del frutto con un taglio netto e pulito, senza danneggiare la corteccia dell’albero. Si può anche usare un coglifrutta se il frutto è troppo alto.

Il melograno si conserva per circa un mese in un luogo fresco e asciutto, a una temperatura di circa 5 gradi. Si può anche mettere in frigorifero.

Dove si coltiva il melograno?

Il melograno è originario dell’Asia sud-occidentale; si è diffuso in epoca antica nel Caucaso e nell’area mediterranea grazie ai Fenici, ai Greci, ai Romani e agli Arabi. Attualmente, viene coltivato in molti paesi con clima subtropicale, come l’Iran, l’India, la Turchia, l’Israele, il Messico e gli Stati Uniti. Anche nelle zone meridionali dell’Europa si trova qualche pianta di melograno.

Origini del nome

Il nome del melograno deriva dal latino malum granatum, che significa “mela con semi”. Questo nome riflette la forma e la struttura del frutto, che è una bacca con una buccia dura e un interno carnoso con tanti semi polposi. Il nome scientifico del melograno è Punica granatum, che significa “punico granulare”. Questo nome fu dato da Linneo in onore della regione di Cartagine (Punia), da dove i Romani importarono i melograni.

Le proprietà nutritive e terapeutiche del melograno e il suo simbolismo

Il simbolismo del melograno

Il melograno ha un simbolismo religioso e culturale in diverse tradizioni. Per esempio, nel Cristianesimo rappresenta la passione di Cristo, nell’Ebraismo la fertilità e la saggezza, nell’Islam la prosperità e la purezza.

Le proprietà nutritive e terapeutiche del melograno

Il melograno è una pianta molto apprezzata per le sue proprietà nutritive e terapeutiche. Il frutto è ricco di antiossidanti, vitamine, minerali e fibre. Ha effetti benefici sul sistema cardiovascolare, immunitario, digestivo e depurativo. Si tratta di un superfood, ovvero un alimento che contiene elevate quantità di sostanze nutritive e funzionali per la salute umana. Vediamo quali sono i motivi per consumare il melograno e come farlo.

  1. È ricco di antiossidanti, che contrastano i radicali liberi e prevengono l’invecchiamento cellulare e le malattie cronico-degenerative. Tra gli antiossidanti presenti nel melograno ci sono i polifenoli, come l’acido ellagico e i tannini, che hanno anche proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie e antitumorali;
  2. Ha effetti positivi sul sistema cardiovascolare, in quanto aiuta a ridurre la pressione arteriosa, il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi, migliorando la funzione endoteliale e prevenendo l’aterosclerosi. Inoltre, ha proprietà anticoagulanti e antiaggreganti piastriniche, che proteggono dalla formazione di trombi;
  3. Favorisce la salute del sistema immunitario, in quanto stimola la produzione di anticorpi e la fagocitosi dei macrofagi, che eliminano i patogeni e le cellule danneggiate. Ha anche un’azione antivirale, in particolare contro l’herpes simplex e l’influenza;
  4. Ha effetti benefici sul sistema digestivo, in quanto regola la motilità intestinale, previene la diarrea e la disbiosi, protegge la mucosa gastrica dalle ulcere e ha un’azione prebiotica, favorendo lo sviluppo della flora batterica benefica;
  5. Ha proprietà depurative, in quanto favorisce l’eliminazione delle tossine dal fegato e dai reni, grazie alla presenza di vitamina C, potassio e acido citrico. Inoltre, ha un effetto diuretico, che aiuta a combattere la ritenzione idrica e l’edema;
  6. Apporta importanti nutrienti, come vitamine (A, B1, B2, B6, C, E), minerali (calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio), fibre e zuccheri naturali. Il suo basso contenuto calorico (65 kcal per 100 g) e l’elevato potere saziante lo rendono adatto anche a chi segue una dieta ipocalorica.

Per beneficiare delle proprietà del melograno, potete consumare i suoi semi (arilli), che si possono mangiare al naturale o aggiungere a insalate, yogurt, macedonie o dolci. Potete anche bere il succo di melograno, che potete preparare in casa con uno spremiagrumi o acquistare già pronto, scegliendo prodotti senza zuccheri aggiunti o conservanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *