Vai al contenuto

Sarcopenia: che cos’è e come prevenirla?

sarcopenia

Abbiamo parlato recentemente di sarcopenia, ma non tutti sanno che cos’è. Impariamo a conoscere meglio questa condizione contraddistinta da progressiva perdita di massa muscolare. Una fase naturale dell’invecchiamento, non tutti sanno, però, che è possibile rallentare questo processo. Come?

Che cos’è la Sarcopenia?

Sono le persone che arrivano alla soglia dei 50 o 60 anni coloro le quali hanno maggiori probabilità di incappare nella sarcopenia, ovvero una condizione fisiologica propria dell’invecchiamento. In pratica si tratta di cambiamenti metabolici che sono in grado di modificare le masse corporee, soprattutto quella muscolare. I fattori che la causano sono diversi come i vari cambiamenti ormonali, la ridotta attività fisica, lo stile di vita che diventa maggiormente sedentario, per questi e altri motivi, i muscoli iniziano a perdere volume e forza.

Effetti Negativi della Sarcopenia

La sarcopenia può avere conseguenze significative sulla salute e il benessere degli anziani. Iniziamo col dire che c’è una notevole perdite di massa muscolare e conseguentemente di forza. Le persone anziane sono spesso caratterizzate da una ridotta mobilità come per esempio salire le scale o alzarsi da una sedia. Sempre a causa della ridotta capacità muscolare, c’è anche un maggior rischio di cadute, a volte con conseguenze gravi.

Tutto questo porta inevitabilmente a una qualità della vita di qualità inferiore rispetto a ciò che dovrebbe essere la norma. Questo implica anche una minore indipendenza e la necessità di avere qualcuno che si prenda cura di loro. Purtroppo i problemi non finiscono qui, chi si ammala di sarcopenia ha anche un maggiore rischio di prendere il diabete di tipo 2, malattie cardiache o altre patologie croniche.

Prevenzione e Gestione della Sarcopenia

Fortunatamente, ci sono azioni e comportamenti utili per prevenire o almeno ritardare la sarcopenia e per gestire i suoi effetti. Ovviamente, non dovrebbe neanche essere necessario dirlo, l’esercizio fisico regolare e corretto, specialmente quello che riguarda i pesi, sia quello del corpo che i classici da palestra, sono perfetti per incrementare la massa muscolare e ritardarne il deterioramento. Anche l’alimentazione risulta fondamentale, le proteine e altre sostanze nutritive possono mantenere più a lungo la massa muscolare.

Un supporto medico potrebbe rendersi importantissimo in quanto proprio lui potrebbe raccomandare l’utilizzo di integratori, sia si aminoacidi che di proteine, per migliorare e incrementare la sintesi proteica muscolare. Riuscire a essere persone attive e non sedentarie favorisce il mantenimento della forza, della resistenza e della massa muscolare complessiva. Naturalmente è decisivo sottoporsi a costanti controlli medici per appurare quale sia lo stato fisico e fisiologico e per monitorare l’eventuale evolversi della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *