Vai al contenuto

Se hai più di 60 anni, ecco cosa mangiare per stare bene!

La vita procede a scaglioni e per ogni età ci sono alcune differenze fisiologiche. Non è un mistero che dopo i 60 anni sia necessario cambiare abitudini dal punto di vista dell’alimentazione. Ecco quindi cosa mangiare per stare bene!

Come cambia il corpo dopo i 50 anni

Dopo i 50 anni ci sono molti parametri fisiologici che iniziano a cambiare, la statura e il peso tendono progressivamente a diminuire, inoltre con l’avanzare dell’età si verifica un aumento della massa grassa e una riduzione della massa muscolare, una demineralizzazione delle ossa e una riduzione dell’acqua corporea. Tutto ciò comporta delle conseguenze, infatti avremo una riduzione della resistenza muscolare, della forza e della potenza, oltre all’equilibrio e alle facoltà motorie in generale. Se alla massa magra in diminuzione si aggiunge un eccessivo aumento della massa grassa potrebbe venire a verificarsi l’obesità sarcopenica, una patologia propria dell’avanzar dell’età.

Nutrizione e alimentazione, almeno per quanto riguarda questo specifico contesto, sono in grado di influenzare lo stato della salute. Da considerare che l’alimentazione è intesa come l’assunzione di alimenti con lo scopo di sostentare l’organismo, mentre la nutrizione è vista come l’utilizzo di cibo per la dieta.

Prima di continuare, ti ricordo che è disponibile, per ricevere le notifiche delle nostre ricette, il canale Telegram, cliccando qui oppure il canale Whatsapp, cliccando qui. Unisciti anche tu per non perdere le ultime novità. IL TUO NUMERO DI TELEFONO NON LO VEDRÀ NESSUNO¡

Come deve essere la dieta dopo i 60 anni?

Continua dopo gli annunci...

Viviamo in un’epoca dove la popolazione è sempre più avanti con gli anni, infatti le persone con più di 60 anni sono in costante aumento, rispetto ad altre fasce di età. Proprio per questo motivo c’è una maggiore attenzione verso l’alimentazione degli anziani; comunque si tratta perlopiù degli stessi criteri della nutrizione degli adulti, con le differenze dovute all’età e queste possono essere il minore fabbisogno energetico, la diminuzione dell’appetito, eventuali problemi masticatori e altre problematiche che possono intervenire con l’avanzare dell’età.

L’acqua è una risorsa fondamentale per ogni fascia di età e il suo consumo dovrebbe essere intorno al litro e mezzo e questo vale per tutti, ma maggiormente per le persone con più di 60 anni. Ci sono ben tre importantissimi motivi per incrementare il consumo di acqua: una generale tendenza alla disidratazione (dovuta alla ridotta percezione del senso della sete), un aumento delle perdite urinarie di liquidi (dovuta alla diminuita sensibilità dei reni all’azione dell’ormone antidiuretico) e la riduzione generale dell’alimentazione

È il consumo di carboidrati il fulcro della dieta per gli anziani, per questo gli alimenti da preferire sono i cereali, per esempio pane e pasta, e questi devono essere previsti in ogni pasto principale. In generale è ottimale consumarne tra le 4 e le 5 porzioni giornaliere. Lo stesso discorso va fatto per la frutta e la verdura il cui consumo deve essere fatto almeno 3 o 4 volte al giorno, inoltre è preferibile utilizzare prodotti di stagione. Quanto agli alimenti ricchi di zuccheri semplici, l’invito alla moderazione è sempre valido. Chi è abituato a zuccherare le bevande come il caffè o il te dovrebbe iniziare a utilizzare dei dolcificanti naturali come quelli a base di stevia.

Un altra “regola” indica che bisogna assumere almeno due porzioni giornaliere di carne, pesce o uova, per quanto riguarda la carne è preferibile non usare quella rossa e insaccati. Le proteine sono davvero essenziali per migliorare la salute delle ossa e dei muscoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *