Vai al contenuto

Sport e disabilità: nessun limite è concesso

sport disabilità

Non esiste più la disabilità sportiva, oggi le discipline sportive hanno finalmente incluso sezioni ad hoc per le persone con disabilità in modo da potersi cimentare nella maggior parte degli sport esistenti. Scopriamo quali sono e i vantaggi nel praticarle.

Tipi di sport per soggetti con disabilità

Il nuoto è uno degli sport più inclusivi per le persone con disabilità. Ci sono tantissime categorie per i disabili e altrettante gare diversificate per permettere a tutti di potersi mettere alla prova. Anche l’atletica leggera viene adattata per le persone con disabilità, ci sono infatti gare di corsa in carrozzella o per persone non vedenti, gare di salto per persone con protesi o con arti mancanti, competizioni per chi ha problemi cerebrali e tanto altro ancora. Con sempre nuove tecnologie, anche il tiro con l’arco apre le sue porte alla disabilità, oggi la para-arceria è tra gli sport più apprezzati e seguiti dalle persone con disabilità. Ci sono arcieri di rilievo mondale che scoccano frecce senza avere le braccia o che hanno perso completamente la vista.

Le bocce sono un altro sport che può essere praticato sia con handicap fisici che intellettivi. Si tratta di un gioco di precisione e calma, in grado di coinvolgere gli atleti e può essere facilmente adattato per essere praticato da tutti. La pallacanestro in carrozzina è uno degli sport più spettacolari per i disabili. Gli atleti si muovono in carrozzine speciali e giocano su un campo adattato, non è raro vedere gli atleti che sono talmente presi dalla competizione che si scaraventano reciprocamente a terra durante la partita. Il tennis da tavolo in carrozzina è una variante del tennis da tavolo, o ping pong, progettata per persone con disabilità fisiche agli arti o alla parte inferiore del tronco. Gli atleti si muovono in carrozzine speciali e utilizzano racchette adattate per giocare su un tavolo standard.

Perché fare sport anche se con una disabilità

Come è giusto che sia, le persone con disabilità possono affrontare sfide uniche facendo sport e magari gareggiando in competizioni ufficiali. Grazie alle nuove tecnologie e agli adattamenti di alcune discipline sportive, ora è possibile per tutti praticare quasi ogni sport esistente. Inoltre c’è da considerare che le politiche inclusive odierne permettono a tutti di potersi avvicinare a una determinata disciplina senza alcuna discriminazione.

Lo sport offre una serie di vantaggi fisici per i disabili che con semplici terapie non è possibile ottenere. Gli allenamenti regolari migliorano la forza muscolare, la flessibilità e l’equilibrio. Inoltre, l’attività fisica aiuta anche a tenere sotto controllo il proprio peso, migliora la circolazione sanguigna e riduce il rischio di patologie correlate alla situazione preesistente. Si può anche iniziare a praticare sport per recuperare dopo un intervento chirurgico. La mente è forse ciò che può trarre i più grandi benefici dal praticare sport, specie per coloro che hanno una disabilità, in quanto aumenta l’autostima e la fiducia in sé stessi, inoltre fa sentire realizzati e far parte di qualcosa di importante. Non è raro che gli atleti disabili dimostrino di avere una maggiore forza d’animo rispetto ai normodotati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *