Vai al contenuto

Il trucco infallibile per distinguere le castagne matte da quelle buone

come distinguere le castagne

E’ finalmente arrivato l’autunno, e ovviamente sono tornate loro: le castagne!

Che voi vogliate mangiarle sotto forma di caldarroste, essiccate, lesse o che vogliate impiegarle per preparare creme, budini e conserve, poco importa. Una cosa vi è indispensabile: distinguere quelle buone da quelle matte.

“Matte??? E cosa significa?” direte voi.

Beh, forse non tutti lo sanno, ma non tutte le castagne sono commestibili: esistono infatti le castagne matte, che non sono buone da mangiare e rischiano di provocare un’intossicazione se le ingeriamo.

Se siete soliti andare per i boschi a raccogliere castagne, dovete assolutamente sapere questi piccoli trucchi per riconoscerle.

Da leggere: Come conservare i funghi: conosci tutti i nostri suggerimenti?

Come riconoscere le castagne matte: un metodo salvavita

Le castagne sono un frutto molto apprezzato per la sua versatillità in cucina. Possiamo consumarle in tantissimi modi diversi, dagli snack ai primi passando per secondi e conserve.

Sono una vera delizia e portarle in tavola trascina con sè una ventata di allegra convivialità.

Tuttavia, prima di portarle in tavola, dobbiamo assolutamente assicurarci che siano commestibili.

Si distingue quindi la castagna dalla castagna ‘matta’: vengono da piante differenti.

Mentre le castagne sono un frutto derivante da un albero appartenente alla famiglia delle Faceceae, che si distingue per la presenza di foglie singole e che sorge almeno a 1000-1200mt di altezza, la castagna matta è l’ippocastano che deriva da un albero prettamente ornamentale, usato nei centri urbani per decorare strade e giardini.

Il trucco infallibile è guardare i ricci. La differenza è proprio lì che risiede.

Mentre i ricci delle castagne sono marroni e hanno degli aculei lunghi ed anche pungenti, contrariamente i ricci dell’ippocastano presentano un colore più chiaro, quasi tendente al verdognolo, e gli aculei sono corti e poco pungenti, quasi morbidi.

Ecco: ora sapete la differenza tra castagne e castagne matte. Mai più errori! Potrete raccoglierle in serenità senza incappare in brutte sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *